Non ci sono solo le percosse nel video che immortala l’operato di alcuni agenti che hanno perquisito la casa di Emanuele, 39enne romano trovato in possesso di stupefacente nei mesi del lockdown. Le telecamere hanno ripreso anche imprecazioni e dialoghi. A più riprese uno degli agenti si sfoga dicendo: “Io a questo lo uccido”, poi nel dialogo con il fermato. In un frangente si sente nitidamente che intende chiamare il suo avvocato. Peccato che nel verbale della perquisizione verrà scritto l’esatto opposto, ovvero che il fermato sceglie di non avvalersi dell’assistenza si un legale. La storia è raccontata sul Fatto Quotidiano di oggi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, picchiato durante una perquisizione in casa. La scena è stata immortalata dalle telecamere

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Alberto Zangrillo: “Io negazionista? Colleghi ne risponderanno”

next