Le nozze Psa-Fca non subiranno ritardi, almeno secondo quanto affermano i protagonisti. Dopo le dichiarazioni di un paio di settimane fa di John Elkann (“Siamo fortemente convinti che la fusione tra Fca e Psa avvenga nel primo trimestre del 2021”), sono arrivate quelle della controparte francese, nella persona del numero uno (anche del futuro gruppo) Carlos Tavares, che nel confermare la tempistica dettata da Elkann ha aggiunto: “Ci stiamo muovendo nei tempi giusti, e siamo pronti a fare tutto quel che ci verrà chiesto dall’Antitrust“.

Il riferimento è nondimeno all’indagine aperta in giugno sulla prossima fusione con il gruppo italoamericano dalla Commissione Europea, preoccupata per una “possibile riduzione della concorrenza nel settore dei van”.

A tale proposito, pur precisando che le due aziende “non sono sotto i riflettori dell’Authority”, Tavares ha spiegato che “la complessità di questo processo è sorprendente. Stiamo producendo centinaia e centinaia di documenti e rimaniamo aperti a ogni discussione”, per fugare i timori dell’Antitrust UE riguardo a un matrimonio le cui sinergie varrebbero 3,7 miliardi di euro all’anno. Stellantis, il nuovo gruppo creato dalla fusione, “sarà una società inclusiva di tutte queste stelle che sono i 14 marchi che la andranno a costituire e che ci consentiranno di coprire tutti i mercati”, ha concluso Tavares.

Ma quali sono le condizioni di salute dei due promessi sposi, in vista del passo decisivo? In attesa di conoscere i risultati della semestrale Fca, venerdì prossimo, Tavares ha provveduto a illustrare quelli di Psa. Che nonostante l’impatto del Covid19, con utili e ricavi diminuiti, rimangono positivi.

In particolare, i primi sei mesi del 2020 si sono chiusi con un utile netto di 595 milioni di euro per i francesi, contro gli 1,237 miliardi incamerati nel primo semestre 2019. Anche i ricavi si sono fermati a 25,12 miliardi di euro, il 34,5% in meno su base annua. La divisione Automotive ha registrato un margine operativo corrente del 3,7%, mentre la situazione finanziaria netta è in positivo di 6,957 miliardi. Una “resilienza” pur nelle avversità, che lo stesso Tavares non ha mancato di sottolineare. Così come, tornando su Psa-Fca, la sua convinta speranza per il futuro: “L’operazione Stellantis offre una grande stabilità per i 20-30 anni a venire”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mobilità post-Covid, italiani incuriositi da elettriche e ibride. E vogliono tornare negli autosaloni

next
Articolo Successivo

Mercato auto, a luglio timidi segnali di ripresa: immatricolazioni a -11%. E’ corsa agli incentivi

next