Una lunga processione di camion per tutta la lunghezza del nuovo ponte di Genova ha celebrato nel tardo pomeriggio di ieri il termine delle prove di carico del collaudo statico del nuovo ponte autostradale. Un viadotto che i familiari delle vittime avrebbero voluto fosse chiamato “14 agosto”, in memoria della strage del 2018, e prenderà invece il nome di “Genova San Giorgio”. I 56 mezzi hanno effettuato prove di carico nei giorni scorsi trasportando ognuno 44 tonnellate per il collaudo statico del ponte disegnato da Renzo Piano, al termine delle analisi, nei prossimi giorni, Anas consegnerà i risultati del test. In questi giorni si lavora alle finiture (pannelli solari, barriere e segnaletica) in vista dell’inaugurazione prevista il prossimo lunedì 3 agosto alle 18.30 alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piacenza, l’intercettazione che smaschera le torture inferte dai carabinieri arrestati: “Che cazzo ridi?” e lo prendono a schiaffi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, più che raddoppiati i nuovi casi rispetto a ieri: sono 282. Nove vittime in 24 ore

next