A quasi tre anni dall’avvio di Audiweb 2.0, è in arrivo un nuovo cambiamento nel sistema di rilevazione dei dati di traffico dei siti internet. Nielsen ha infatti annunciato la rescissione del contratto di collaborazione con Audiweb, dopo la chiusura del rapporto di scambio di informazioni con Facebook e la decisione di “cambiare le modalità di rilevazione dei dati per adattarsi ai continui cambiamenti nel panorama della tecnologia e della privacy”, come si legge nel comunicato della multinazionale.

La collaborazione con il social network di Mark Zuckerberg è attualmente alla base della deduplicazione nell’analisi dell’audience, ma comporta il passaggio di dati dei lettori tra le due società, con i conseguenti problemi ai fini Gdpr (General Data Protection Regulation) per gli editori. Al centro di tutto, ci sono anche le scelte adottate dai principali motori di ricerca e operatori in ambito tecnologico, orientate a un ridimensionamento dei “cookies di terza parte”.

Audiweb, da parte sua, ha annunciato che “sono in corso valutazioni approfondite alla luce delle evoluzioni derivanti dai nuovi scenari tecnologici”. Secondo il presidente, Marco Muraglia, “l’attuale momento storico impone a tutto il mercato di tenersi pronti e seguire l’evoluzione tecnologica, considerato anche quanto già attualmente sta avvenendo con riferimento alla gestione dei cookies da parte dei principali player. Audiweb ha una responsabilità nei confronti del mercato e deve garantire continuità nella distribuzione dei dati dell’audience online, prevenendo qualsiasi forma di rallentamento o discontinuità dipendente da decisioni di terze parti non governabili e che renderebbero inadeguato il sistema di rilevazione”.

La rilevazione dei dati così come la conosciamo durerà fino al 2020, poi si aprono nuovi scenari tutti da definire. Audiweb, però, specifica che è già in corso la fase di analisi preliminare finalizzata a individuare, in tempi rapidi, la migliore soluzione da sviluppare per fornire dati affidabili e al passo con l’evoluzione del mondo digitale. In sostanza, si valuteranno le proposte di Nielsen per un nuovo sistema di rilevazione. “Con un obiettivo incentrato sulla privacy, stiamo creando una piattaforma flessibile che si possa adattare alle nuove tecnologie, ai dati e ai cambiamenti normativi”, ha affermato Karthik Rao, direttore operativo della multinazionale. Al momento non si parla ancora di un “beauty contest“, che aveva bloccato a lungo la partenza della piattaforma Audiweb 2.0. Un sistema di rilevazione come Audiweb continua infatti ad essere fondamentale nel mercato italiano per poter offrire a tutte le componenti dati certificati e sicuri utilizzati da tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scalfari è diventato “Eugeni”: su Repubblica il refuso nella firma del fondatore (poi corretto)

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Usa: “Consigliere per la Sicurezza positivo al Covid-19”. È stretto collaboratore di Trump

next