Mascherine, o si torna indietro alle restrizioni. L’assessore alla Sanità della regione Lazio Alessio D’Amato rivolge un appello alla responsabilità dei cittadini che, complice il clima più rilassato, non usano correttamente i dispositivi di protezione. “Rivolgo un appello all’utilizzo della mascherina o si dovrà richiudere. Non possiamo tornare indietro e disperdere gli sforzi fatti fin qui”. Poi fa riferimento alla situazione spagnola, dove sono tornati focolai e lockdown circoscritti: “Dobbiamo usare la mascherina o rischiamo nuovi casi come in Catalogna“. Nel Lazio oggi si sono registrati 17 casi, precisa l’assessore, di cui dieci di importazione: “Sei casi sono di nazionalità del Bangladesh, un caso dall’Iraq, due dal Pakistan e uno dall’India”. In base alle ultime linee guida del governo, fino alla fine del mese rimane l’obbligo a indossare i dispositivi di protezione negli ambienti chiusi – negozi, mezzi pubblici, ma anche nei bar prima di consumare al tavolo – o in tutte quelle situazioni in cui, seppur all’aperto, non si riesce a mantenere un adeguato distanziamento interpersonale.

Nel Lazio, in particolare nella Capitale, continuano i controlli, specialmente nelle zone della movida: Trastevere, San Lorenzo, Rione Monti. Un’associazione culturale in via del Mandrione è stata multata e chiusa dalla polizia per il mancato rispetto delle regole anticontagio: dentro sono state sorprese almeno 80 persone a ballare, nonostante il divieto di organizzare discoteche al chiuso. Gli ospiti del circolo erano tutti privi di mascherina e nessuno rispettava la distanza di 2 metri prevista dai protocolli. Gli accertamenti hanno anche evidenziato una conduzione irregolare del circolo, con attività di intrattenimento e somministrazione di bevande e alimenti esercitata, oltre che in maniera difforme alle norme Covid, in forma del tutto abusiva: l’accesso al locale era consentito indistintamente a tutti, e non ai soli soci.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, trovato neonato nella culla termica di una chiesa. Accanto a lui un biglietto dei genitori

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 219 nuovi casi. Da ieri 3 morti: mai così pochi da febbraio. In Lombardia nessun decesso registrato

next