Il debito pubblico italiano arriva a toccare un nuovo record: a maggio è pari a 2.507,6 miliardi, per via di un aumento di 40,5 miliardi rispetto ad aprile. Il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche cumulato fra gennaio e maggio raggiunge i 66,4 miliardi di euro, più del doppio dei 29,6 miliardi dello stesso periodo del 2019. Il dato è un assaggio dell’impatto della crisi del Covid sui conti pubblici: solo a maggio, le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 24,6 miliardi, in diminuzione del 27,8% (-9,5 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2019, “risentendo della sospensione di alcuni versamenti fiscali disposta dai provvedimenti governativi approvati negli ultimi mesi e del peggioramento del quadro macroeconomico”. Nei primi cinque mesi del 2020 le entrate tributarie sono state “pari a 143,7 miliardi, in diminuzione dell’8,2 per cento (-12,9 miliardi) rispetto al corrispondente periodo del 2019″.

Il debito record delle Amministrazioni pubbliche registrato a maggio riflette, sottolinea sempre Bankitalia, oltre al fabbisogno del mese (25 miliardi), anche l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (14,5 miliardi, a 61,4); gli scarti e i premi all’emissione e al rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione del tasso di cambio che hanno nel complesso aumentato il debito di un ulteriore miliardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google, parte ‘Italia in Digitale’: 900 milioni di investimenti per “la ripresa economica del Paese”. Conte: “Avanti così!”

next
Articolo Successivo

Pensionati, la Grecia prova a sedurre quelli stranieri con un’aliquota unica al 7%

next