Nessuna squalifica, solo una multa da 10 milioni di euro. Il Tas di Losanna salva il Manchester City e annulla la sua esclusione per due anni dalla Champions League. La Uefa aveva punito il club inglese a febbraio per “gravi violazioni” delle regole del fair play finanziario. Le accuse includevano che il City, di proprietà della famiglia reale di Abu Dhabi, aveva ingannato il massimo organismo del calcio continentale per diversi anni per soddisfare le regole di integrità finanziaria, necessarie per partecipare alle competizioni europee per club. Il Manchester City potrò dunque partecipare alla prossima Champions League.

La Corte di Arbitrato dello Sport (Tas) di Losanna ha accolto il ricorso del club, ma ha inflitto un’ammenda di 10 milioni di euro (11,3 milioni di dollari) per non aver collaborato con gli investigatori. Il City ha negato qualsiasi illecito e affermato di avere “prove inconfutabili” per affermare che le accuse erano false. La sentenza è arrivata un mese dopo un’audizione di tre giorni tenuta in collegamento video tra la Svizzera e l’Inghilterra. Pep Guardiola potrà dunque giocare nella fase a gironi della Champions League la prossima stagione. Il tecnico si era impegnato a restare a Manchester “qualunque cosa fosse decisa” in tribunale.

È probabile che un verdetto completo che descriva dettagliatamente le prove, le testimonianze di esperti e le ragioni dei giudici sia pubblicato solo tra alcune settimane. Gli investigatori nominati dalla Uefa hanno aperto un caso dopo che le mail del club trapelate e i documenti dei funzionari della città sono stati pubblicati dalla rivista tedesca Der Spiegel nel novembre 2018. Il City non ha mai contestato che i documenti fossero autentici ma ha sostenuto che le prove fossero state rubate e riportate fuori contesto. La Uefa potrebbe scegliere di contestare la sentenza del Tas alla Corte suprema della Svizzera. Ma i ricorsi federali raramente hanno successo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorteggi Champions League, Real o City per la Juventus (se elimina il Lione). L’Atalanta trova il Psg. Urna sfortunata pure per il Napoli

next
Articolo Successivo

Jurgen Klopp commenta la sentenza del Tas: “Manchester City ammesso alla Champions? Non una bella giornata per il calcio”

next