Sono 234 i nuovi positivi al coronavirus accertati in Italia nelle ultime 24 ore, nonostante i tamponi effettuati siano stati appena 38mila: dopo i 188 casi di ieri, il trend del contagio torna a salire. Mentre resta contante la diminuzione del numero di test: se sabato erano stati poco più di 45mila, oggi scendono ancora. I dati riportati dal ministero della Salute segnalano poi altre 9 vittime del Covid (ieri erano state 7), di cui otto solo in Lombardia e una in Abruzzo. I casi totali salgono a 243.061, i morti a 34.954. Dei nuovi contagiati 77 sono in Lombardia (32,9%) e 71 in Emilia-Romagna (30,3%). Sette regioni (Liguria, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Sardegna, Valle d’Aosta e Basilicata), oltre alla Provincia di Trento, registrano zero contagi.

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, sono 68 i positivi al Covid in terapia intensiva in Italia, uno più di ieri. È il secondo giorno consecutivo di lieve aumento, mentre crescono di due unità in Lombardia, da 29 a 31. Quattordici regioni non hanno invece nemmeno un paziente in terapia intensiva. I ricoverati con sintomi sono 776 (-50 rispetto a ieri), quelli in isolamento domiciliare sono 12.335 (-175). Le persone attualmente positive al Covid sono complessivamente 13.179 (-124 malati). I guariti sono 194.928 (+349).

Quinto giorno di fila senza morti da coronavirus in Emilia-Romagna, ma 71 nuovi casi, uno degli aumenti più alto registrati nelle ultime settimane. Di questi, 48 persone asintomatiche. Ventuno nuovi positivi in provincia di Modena, 18 legati ad un focolaio scoperto in un prosciuttificio. A Bologna sono 19, di cui 6 riconducibili ai due focolai individuati in due aziende della logistica, Brt e Tnt, e la gran parte degli altri, spiega la Regione “a situazioni familiari già note”. Infine, 11 nuovi casi in provincia di Ferrara, nove dei quali riferiti sempre al focolaio Tnt.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, gruppo di residenti si sdraia a terra ad Amantea contro l’arrivo di 13 migranti positivi

next
Articolo Successivo

Torino saluta i medici cubani arrivati per l’emergenza: ‘Torniamo a casa dopo 3 mesi. Solidarietà e umanità sono le lezioni più grandi’

next