Sit-in in piazza del Pantheon a Roma (e in contemporanea in altre città d’Italia) a sostengo della proposta di legge Zan contro l’omotransfobia. “È un momento fondamentale: la legge è calendarizzata e dobbiamo sostenerla in tutte le maniere. È una legge che salvaguarda le minoranze e specialmente i nostri figli” ha detto Paola Corneli, presidente Agedo Roma, l’associazione che riunisce genitori e famiglie di omosessuali. “L’Italia ha bisogno di una legge, una legge che riconosca i diritti di tutti e tutte. Non dobbiamo dividerci perché ciò porta alla maggioranza silenziosa che non vuole questo in Italia.” ha concluso. In piazza la capogruppo al Senato dei 5 Stelle Alessandra Majorino. “La legge introduce la modifica dell’articolo 604 bis e ter andando a integrare i reati d’odio con anche quelli dovuti alle discriminazioni di genere. Inoltre istituisce la giornata nazionale dedicata all’omotranslesbobifobia, con anche la possibilità degli enti territoriali e delle istituzioni di organizzare giornate formative anche nelle scuole. Istituisce sportelli d’ascolto e centri rifugio per le persone bisognose di un aiuto concreto, anche senza denuncia. Poi introduce il monitoraggio Istat, che ogni tre anni è chiamato a fotografare il fenomeno, anche per tenere d’occhio l’andamento della legge e per avere delle rilevazioni reali. Oggi ci viene detto che il fenomeno dell’omotransfobia non esiste, noi così diamo fondamento a ciò che sappiamo ma che non viene rilevato statisticamente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Atrofia muscolare spinale, lo screening neonatale in Lazio e Toscana: “Cambiamo la storia della patologia”

next
Articolo Successivo

Disabili, niente sostegno nelle accademie musicali. La petizione: “Discriminatorio”

next