L’Italia non discrimina, ci sono già tutte le sanzioni possibili e immaginabili. Si rischia invece di sconfinare nell’ideologia, un rischio troppo elevato”. Lo ha detto Matteo Salvini, ieri, rispondendo in conferenza stampa a una domanda sul disegno di legge contro l’omotransfobia, a prima firma Alessandro Zan, che è stato depositato in commissione Giustizia. “A questo punto allora presentiamo un bel ddl contro l’eterofobia”, ha aggiunto il leader della Lega. “Se viene colpito, picchiato, discriminato un omosessuale o un eterosessuale la via, per quanto mi riguarda, è la galera”. La proposta dell’ex ministro dell’Interno è stata messa in dubbio da chi ha fatto notare che le discriminazioni nei confronti degli eterosessuali esclusivamente basate sul loro orientamento sono, sostanzialmente, inesistenti. Mentre quelle perpetrate a danno di persone omosessuali avvengono ogni giorno. Il disegno di legge Zan punta a modificare gli articoli 604-bis e 604-ter che puniscono i reati e i discorsi d’odio ampliando, di fatto, le casistiche per individuare anche quelli basati “sul genere, l’orientamento sessuale e l’identità di genere“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd-M5s, Conte: “No alleanza per le Regionali sarebbe una sconfitta per tutti anche per me”. Poi incontra per un’ora Nicola Zingaretti

next
Articolo Successivo

Patrick Zaki, il ministro Manfredi: “Dobbiamo fare pressioni sul governo egiziano perché abbia un processo giusto”

next