C’era anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, tra i manifestanti che ieri hanno realizzato la scritta “Black Lives Matter” davanti alla Trump Tower a New York. Il primo cittadino ha impugnato un rullo da imbianchino per partecipare alla realizzazione della scritta. Il presidente Donald Trump la settimana aveva definito il murales “un simbolo d’odio”. A dipingere a terra il grande slogan giallo con il primo cittadino anche la moglie Chirlane McCray e il reverendo Al Sharpton. Gli attivisti, attorno, scandivano le urla: “Le strade di chi? Le nostre!”. Il movimento chiede la fine del razzismo istituzionale e della brutalità della polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, Bolsonaro difende l’idrossiclorochina: “Ha funzionato con me, grazie a Dio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Hong Kong nuova ondata di contagi: scuole chiuse e bar a capienza ridotta

next