C’era anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, tra i manifestanti che ieri hanno realizzato la scritta “Black Lives Matter” davanti alla Trump Tower a New York. Il primo cittadino ha impugnato un rullo da imbianchino per partecipare alla realizzazione della scritta. Il presidente Donald Trump la settimana aveva definito il murales “un simbolo d’odio”. A dipingere a terra il grande slogan giallo con il primo cittadino anche la moglie Chirlane McCray e il reverendo Al Sharpton. Gli attivisti, attorno, scandivano le urla: “Le strade di chi? Le nostre!”. Il movimento chiede la fine del razzismo istituzionale e della brutalità della polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, Bolsonaro difende l’idrossiclorochina: “Ha funzionato con me, grazie a Dio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Hong Kong nuova ondata di contagi: scuole chiuse e bar a capienza ridotta

next