Sabato sera in discoteca e domenica pomeriggio partita a calcetto: oggi infatti in Lombardia riaprono discoteche e sale da ballo, come previsto nell’ordinanza del 29 giugno, ma solo negli spazi all’aperto. La nuova ordinanza del governatore Fontana conferma anche che da domani, 11 luglio, saranno nuovamente autorizzati gli sport di squadra, di contatto e individuali, “solo in assenza di sintomi”. Con delle regole: “all’accesso della struttura”, verrà misurata la temperatura, che non dovrà essere superiore a 37.5 e non si potrà più condividere la borraccia.

“La misura – dice l’ordinanza – potrà essere rimodulata in funzione dell’evoluzione dello scenario epidemiologico“. In base alle linee guida del Governo, condivise dalla Conferenza delle Regioni, gli impianti sportivi dovranno garantire una “corretta prassi igienica individuale”. Quindi, lavaggio frequente delle mani e divieto assoluto di condividere borracce, bottiglie, bicchieri. Prevista inoltre la “regolare e frequente pulizia e disinfezione di aree comuni, spogliatoi, docce, servizi igienici, attrezzature e macchine utilizzate per l’esercizio fisico”. Negli spogliatoi, tutti gli indumenti e gli oggetti personali dovranno “essere riposti dentro la borsa personale” anche qualora depositati negli “appositi armadietti”. Per ogni disciplina sportiva esistono poi specifiche regole, approvate dalle singole Federazioni.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, le 78 paratoie sollevate per la prima volta: la laguna di Venezia divisa dal mare vista dall’alto

next
Articolo Successivo

Venezia, l’abbraccio degli abitanti dell’isola di Pellestrina a Conte: “Grazie di essere tornato”. Lui: “Qui per risolvere i problemi”

next