Un’ex edicola trasformata in una portineria disposizione dei cittadini della zona. Ma non solo. “Un luogo di incontro dove ci si possono scambiare e chiedere servizi ma anche costruire relazioni, e tutto basato su un rapporto fiduciario“. Così Chiara Saraceno, presidente della Rete italiana cultura popolare, descrive la Portineria di Quartiere, il nuovo spazio aperto a Porta Palazzo a Torino. Ma cosa fa? “Offriamo servizi che le persone non possono fare per mancanza di tempo o di competenze, dal baby sitter alla sartoria alle traduzioni e le file negli uffici pubblici” spiegano. Il progetto della Città di Torino, realizzato con l’Ufficio pastorale migranti e il contributo della Fondazione Crt, aiuterà le persone fragili ed è stato riconosciuto dall’Unione Europea . “Possono essere molto utili, soprattutto per le persone sole”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge contro l’omofobia, Comunità di vita cristiana: “Nessun rischio per le libertà. Ci dissociamo da chi strumentalizza il Vangelo”

next
Articolo Successivo

Decreto sicurezza, la Corte costituzionale boccia parte del testo: “Irragionevole lo stop all’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo”

next