Un’ex edicola trasformata in una portineria disposizione dei cittadini della zona. Ma non solo. “Un luogo di incontro dove ci si possono scambiare e chiedere servizi ma anche costruire relazioni, e tutto basato su un rapporto fiduciario“. Così Chiara Saraceno, presidente della Rete italiana cultura popolare, descrive la Portineria di Quartiere, il nuovo spazio aperto a Porta Palazzo a Torino. Ma cosa fa? “Offriamo servizi che le persone non possono fare per mancanza di tempo o di competenze, dal baby sitter alla sartoria alle traduzioni e le file negli uffici pubblici” spiegano. Il progetto della Città di Torino, realizzato con l’Ufficio pastorale migranti e il contributo della Fondazione Crt, aiuterà le persone fragili ed è stato riconosciuto dall’Unione Europea . “Possono essere molto utili, soprattutto per le persone sole”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge contro l’omofobia, Comunità di vita cristiana: “Nessun rischio per le libertà. Ci dissociamo da chi strumentalizza il Vangelo”

next
Articolo Successivo

Decreto sicurezza, la Corte costituzionale boccia parte del testo: “Irragionevole lo stop all’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo”

next