Tra i 97 passeggeri sbarcati ieri a Fiumicino dal volo della Qatar Airlines proveniente da Doha ci sono 5 positivi. I passeggeri, riferisce l’Unità di crisi Covid-19 della Regione Lazio, sono stati tutti messi in isolamento, ma la situazione all’aeroporto non ancora è sotto controllo. Intanto aumentano le verifiche sui passeggeri dei voli che arrivano a Fiumicino: sul primo volo di questa mattina, sempre proveniente da Doha, non erano presenti passeggeri con passaporto del Bangladesh.

Ieri, i cittadini bengalesi che erano sul volo proveniente dal Qatar – oltre cento – sono stati trattenuti a bordo dell’aereo e rimpatriati. Gli altri passeggeri hanno avuto il permesso di sbarcare con l’obbligo del tampone e dell’isolamento: oggi sono arrivati i risultati dello screening. “Stiamo cercando di tappare una falla a mani nude” accusa Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Istituto nazionale malattie infettive Spallanzani (che coordina anche i controlli aeroportuali dell’Unità di Crisi). Vaia ha ribadito che “la via maestra” per il controllo dell’epidemia in Italia deve “essere quella di evitare l’arrivo in Italia di cittadini positivi o sintomatici intervenendo negli aeroporti e nei porti di partenza e sottoponendo chi deve imbarcarsi a test preventivi. Non pensiamo di risolvere il problema a valle, perché così sarebbe come usare un secchiello per svuotare il mare. Chi è positivo a Covid-19, o anche solo al test sierologico, oppure è sintomatico, non deve essere imbarcato”, conclude il direttore. Per lo stesso motivo l’Enac, su richiesta del ministro della Salute Roberto Speranza, ha già inviato a tutte le compagnie aeree un invito a non imbarcare passeggeri di origine bengalese su voli diretti in Italia.

“Le misure che sono state finora adottate riguardano il Bangladesh, ma potrebbero interessare anche altri Paesi qualora si venissero a trovare nella stessa situazione” ha aggiunto il segretario generale del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco. Insieme al Viminale e alla Farnesina, sottolinea Ruocco, il ministero sta seguendo “con attenzione l’evolversi della situazione epidemiologica nel resto del mondo per evitare che si possano riaccendere focolai in Italia”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gallarate, polizia locale sotto accusa per il video di un arresto: “Gli hanno messo i piedi in testa”. Comandante: “Filmato parziale”

next
Articolo Successivo

Milano, l’aeroporto di Linate riapre il 13 luglio: l’Enac conferma la data in una lettera alla Sea

next