Il video è stato rilanciato dall’account Twitter Black With No Chaser il 30 giugno ed è stato girato negli uffici dell’agenzia Gibson Arnold and Associates, a Houston, negli Stati Uniti. La donna si rivolge al suo manager, un uomo afroamericano, con espressioni razziste e insulti: “Chiama la polizia perché ti ho chiamato negro” gli dice. Infine gli chiede di “rappare” insieme a lei, simulando la classica gestualità dei cantanti rap. Secondo alcune riviste straniere, tra cui il sito Tmz che per primo ha pubblicato il filmato, la donna era stata stata licenziata poco prima

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Bolsonaro: “Sono positivo” e poi toglie la mascherina e minimizza

next
Articolo Successivo

Mes, Sanchez: “Spero che non ne avremo bisogno, vorrebbe dire che la pandemia è calata. Ma non ha senso vergognarsi di usarlo”

next