“Sono molto contento dell’accordo tra il governo italiano, quello francese, quello tedesco e quello olandese. Si tratta di una intesa che speriamo ci porti il vaccino contro il coronavirus entro la fine del 2020. Il contratto sottoscritto prevede 60 milioni di dosi entro la fine dell’anno. Il primo nostro auspicio è che questo, che oggi è un candidato vaccino, si dimostri sicuro ed efficace”. Sono le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, che, ospite di “In Onda” (La7), puntualizza: “Lo Stato dovrà farsi carico del vaccino, che quindi dovrà essere gratuito. Ovviamente non avremo subito dosi per tutti e quindi partiremo dai soggetti più a rischio, cioè dal personale sanitario, dai più anziani, da chi ha altre patologie”.

E aggiunge: “Personalmente penso che, soprattutto per le persone di età adulta, l’idea dell’obbligo del vaccino debba essere considerata con grande cautela e con prudenza. La mia impostazione non è quella di natura securitaria che punta sull’obbligatorietà. Credo che dobbiamo costruire un rapporto di fiducia coi nostri cittadini. Il vaccino sarà la vera svolta. Oggi viviamo una situazione difficile in cui il virus circola ancora e quindi – conclude – il vaccino sarà il passaggio veramente fondamentale. Ma questo dobbiamo spiegarlo bene alla persone. Sull’obbligo o non obbligo, è evidente che dovremo discutere. Ma io non parto dal dire che il vaccino deve essere obbligatorio. Io parto dal dire che mi fido dei miei concittadini“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calenda su La7: “Sono per un governo larghissimo con Berlusconi e pezzi intelligenti della Lega come Zaia”. E attacca Emiliano

next
Articolo Successivo

Mes, Romano Prodi su La7: “Ingresso di Forza Italia in maggioranza? Nessun tabù”. E su Berlusconi: “La vecchiaia porta saggezza”

next