“Siamo onorati di essere con voi questa sera anche in forma virtuale, continuiamo la nostra lotta per tutti i ‘Giuli’ locali, d’Egitto e in tutto il mondo”, così i genitori di Giulio Regeni, il ricercatore torturato e ucciso in Egitto nel 2016, Paola Defendi e Claudio Regeni, in un videomessaggio pubblicato su Twitter per gli Stati popolari, organizzati da Aboubakar Soumahoro, il sindacalista dei braccianti che ha invitato tutti gli invisibili della società a prendere parola a Roma, in piazza San Giovanni. I genitori di Giulio, poi, lanciano un appello: “In questo momento la cosa principale da fare è firmare su Change.org la petizione per il richiamo dell’ambasciatore italiano in Egitto. Verità e giustizia per Giulio, ma per tutti i Giuli e le Giulie nel mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ocean Viking, al quarto giorno la situazione si sblocca: “Ok allo sbarco dei 180 migranti”. Zingaretti: “Prossima volta più tempestivi”

next
Articolo Successivo

Liguria, nuove code per cantieri di Autostrade. Vertice Mit-Aspi: ribadita fine lavori critici il 10 luglio. “Accelerare future ispezioni gallerie”

next