“Siamo onorati di essere con voi questa sera anche in forma virtuale, continuiamo la nostra lotta per tutti i ‘Giuli’ locali, d’Egitto e in tutto il mondo”, così i genitori di Giulio Regeni, il ricercatore torturato e ucciso in Egitto nel 2016, Paola Defendi e Claudio Regeni, in un videomessaggio pubblicato su Twitter per gli Stati popolari, organizzati da Aboubakar Soumahoro, il sindacalista dei braccianti che ha invitato tutti gli invisibili della società a prendere parola a Roma, in piazza San Giovanni. I genitori di Giulio, poi, lanciano un appello: “In questo momento la cosa principale da fare è firmare su Change.org la petizione per il richiamo dell’ambasciatore italiano in Egitto. Verità e giustizia per Giulio, ma per tutti i Giuli e le Giulie nel mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ocean Viking, al quarto giorno la situazione si sblocca: “Ok allo sbarco dei 180 migranti”. Zingaretti: “Prossima volta più tempestivi”

next
Articolo Successivo

Liguria, nuove code per cantieri di Autostrade. Vertice Mit-Aspi: ribadita fine lavori critici il 10 luglio. “Accelerare future ispezioni gallerie”

next