Se i macelli di tutto il mondo sono origine di diversi focolai di coronavirus, la causa è da attribuire al freddo delle celle e all’umidità, che abbassano le difese immunitarie. Questo il risultato a cui è giunto uno studio coordinato dall’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, ordinario di Igiene all’università di Pisa, a capo della task force della Regione Puglia per l’emergenza Coronavirus. Grazie a un’indagine con la Asl di Bari su un caso in una struttura di macellazione locale, Lopalco ha potuto stilare una serie di fattori per cui questi luoghi sono più frequentemente di altri cause della diffusione del virus.

Nelle ultime settimane, infatti, varie strutture dedite alla macellazione delle carni sono state al centro della cronaca per essersi trasformati in focolai del nuovo coronavirus. L’ultimo, in Italia, è stato lo stabilimento nel Mantovano, ma al centro dei riflettori c’è anche il più grande mattatoio d’Europa, a Guetersloh, nel Land tedesco del Nordreno-Vestfalia, insieme ad altri mattatoi in Irlanda, Francia, Regno Unito, Olanda, Spagna, Canada e Stati Uniti.

I motivi sono vari, ma alla base c’è la compresenza di zone dove si usano getti di acqua calda a pressione e zone come le celle frigo che sono piuttosto fredde. “Il freddo produce un abbassamento delle difese” spiega l’esperto, motivo per cui il corpo è più propenso a contrarre il virus. Ma non c’è da preoccuparsi per la carne, assicura Lopalco, infatti “la via alimentare è esclusa dal contagio“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Selvaggia Lucarelli riprende Salvini: “Perché non indossa mascherina? Ci sono stati 35mila morti”. Lui (circondato dai cronisti): “Solo per parlare”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, nuovi focolai nel Mantovano: contagiati 68 lavoratori di macelli e salumifici

next