Cinque aziende – tra salumifici e macelli – per un un totale di 68 dipendenti positivi. Negli ultimi giorni, in provincia di Mantova, si sono sviluppati diversi focolai, tutti con caratteristiche simili. L’ultimo, in ordine di tempo, è stato segnalato all’Ats Valpadana da Viadana, negli stabilimenti produttivi di Fratelli Montagnini. Ieri le squadre Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) sono intervenute per effettuare i tamponi su 26 dipendenti, dopo che uno di loro era stato ricoverato in ospedale con febbre alta.

L’esito dello screening ha consentito di scoprire 5 positivi, tra cui 3 dipendenti di una cooperativa che lavorano nel salumificio. L’Ats ha ordinato ieri la chiusura del macello e ora si attende la sanificazione. Ma quello di Viadana non è l’unico caso di contagio in un’azienda che lavora le carni: lo screening a tappeto ha permesso di scoprire focolai diffusi già a partire da fine giugno, in una zona vicino al Po, tra Viadana e Dosolo. Undici casi al salumificio Gardani, più di quaranta al macello Ghinzelli, sei nel salumificio Rosa e altri cinque nel salumificio Fratelli Montagnini. Un focolaio anche a Dosolo, con i cinque malati del macello Martelli. In totale sono 68 i lavoratori positivi – non tutti residenti nel Mantovano – ma per la maggior parte sono asintomatici o hanno sintomi lievi. Solo due sono stati ricoverati in ospedale, in condizioni non gravi.

Tanto che oggi, secondo i dati forniti dalla Regione Lombardia, la provincia di Mantova ha superato quella di Milano per numero di nuovi contagi: 17 (ieri erano 13) contro i 16 del capoluogo lombardo. “I protocolli Anticovid, messi in atto dall’Ats Valpadana hanno permesso di soffocare 6 focolai prima ancora che si propagassero – afferma in una nota l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera – 1500 tamponi eseguiti, 70 persone positive di cui 54 in Provincia di Mantova“, aggiunge in riferimento ai focolai nei macelli.

Tutte le strutture (tranne il Montagnini) sono tornate a funzionare regolarmente. In totale sono stati eseguiti un migliaio di tamponi sul personale e sui loro contatti stretti, e decine persone sono state poste in isolamento. I tecnici della Ats hanno controllato il rispetto dei protocolli di sicurezza nelle aziende e al momento non risulterebbero violazioni. Il prefetto di Mantova Carolina Bellantoni, dopo una riunione del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, ha chiesto alle forze dell’ordine di intensificare l’attività di vigilanza e di controllo sulle misure di isolamento, invitando i sindaci ad attivare i presidi necessari per assistere le persone in quarantena.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macelli focolai di coronavirus: ecco le cause. Ma “la via alimentare è esclusa dal contagio”

next
Articolo Successivo

Sicilia, il Consorzio autostrade nel caos tra indagini e sprechi: 211 casellanti per 28 caselli. E dal ministero 800 rilievi di “non conformità”

next