“Siamo qui per dire che noi non accettiamo questi due decreti Sicurezza, devono essere abrogati, è una vergogna. Con in aggiunta la Bossi-Fini, lo Stato italiano è diventato uno Stato razzista. Non ho altre parole da usare se non razzismo di Stato”. Così padre Alex Zanotelli durante un sit-in di digiuno a Montecitorio a favore di politiche migratorie più giuste. “Siamo preoccupatissimi per la situazione nel Mediterraneo. La Libia è in piena guerra civile. Sono tenuti in lager, le donne sono violentate, devono per forza scappare. Non sono migranti, sono rifugiati. Hanno diritto all’accoglienza” spiega il missionario dei comboniani. Il governo sui decreti Sicurezza fa abbastanza? “No. Hanno continuato a menarla. Zingaretti disse che come prima cosa dovevano saltare i decreti Sicurezza e ancora non son saltati. Adesso hanno rimandato tutto a settembre. I 5 stelle sono spaccati, metà ha ancora il cuore con Salvini. Il Pd non sta facendo abbastanza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, aumentano i contagi: 223 nelle ultime 24 ore. 15 le vittime, la metà rispetto a ieri. In 3 Regioni l’indice Rt torna sopra 1

next
Articolo Successivo

Pd-Italia Viva, scontro sulla legge elettorale. Zingaretti: ‘Proporzionale e sbarramento al 5%, rispettare accordi’. Renziani: ‘No, maggioritario’

next