Protesta nella notte in Val Susa, dove un gruppo di militanti No Tav si è dato appuntamento di fronte all’hotel Ninfa ad Avigliana dove alloggiano alcuni reparti delle forze dell’ordine impegnate nel cantiere dell’Alta Velocità. “Subiamo blocchi, controlli d intimidazioni lungo tutta la valle durante il giorno – scrivono i Notav su una delle pagine di informazione del movimento, chiedendo che gli agenti abbandonino la Valle. Una manifestazione simile era stata organizzata circa una settimana fa, davanti a una pizzeria dove stavano mangiando degli agenti. Insomma la tensione in Val Susa resta alta. Da settimane ormai gli attivisti che si oppongono all’opera sono in presidio davanti al cantiere, per impedire l’allargamento

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ryanair contro lo stop al bagaglio a mano in cabina: “È una follia, così più contagi”. Poi annuncia il ricorso in Ue contro Alitalia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Sardegna dal Colorado con un jet privato, ma gli arrivi dagli Usa non sono permessi: turisti rimpatriati

next