“Bisogna fermare la Tav”. UNa bocciatura senza appello. A tre giorni dalla sua elezione, il neosindaco di Lione, Grégory Doucet, spiega perché sostiene lo stop all’Alta Velocità tra Torino e la terza città di Francia, che si prepara ad amministrare. Il 46enne ecologista, che finora ha lavorato per vent’anni in Ong umanitarie, spiega il suo punto di vista in un’intervista a La Stampa evidenziando i limiti dell’infrastruttura, come aveva fatto nelle scorse settimane anche dall’Eca, la Corte dei Conti Ue. Inutile, costoso e in perenne ritardo rispetto ai tempi del progetto: così era stato definito il tunnel transfrontaliero tra le stazioni di Bussoleno e Saint Jean de Maurienne dall’istituzione europea preposta al controllo delle spese pubbliche.

Adesso è Doucet schierarsi per lo stop alla costruzione: “Fra le nostre città esiste già un’infrastruttura ferroviaria, che è sufficiente, ed è su quella che dovremmo investire”, spiega il neosindaco di Lione. La Francia, dice, ha “iniettato troppi pochi fondi sul trasporto merci su rotaia a livello nazionale” e “ora vogliono farci credere che con la Tav rilanceremo l’attività, ma è assurdo”. L’alternativa, ricorda, esiste già: “Se valorizzata, la linea che già corre fra Lione e Torino è sufficiente per i treni che vi devono circolare. Ecco, investiamo prima lì e nel resto della Francia”.

Il suo è un no secco, senza giri di parole al progetto dell’Alta Velocità che dovrebbe collegare le due città. E anche quando gli viene chiesto se non sia troppo tardi perché i lavori sono già iniziati (sei cantieri attivi), non arrestra: “Non bisogna insistere su un progetto sbagliato – afferma – È la scelta peggiore. Bisogna fermare la Tav”. Consapevole che la scelta “non dipende da me né dal sindaco di Torino”, perché “sono i due governi e l’Europa a decidere” sul futuro dell’infrastruttura, Doucet avvisa che “ora sono alla guida della mia città” e “credo di dover dire la mia opinione”, anche perché l’ecologia “non è proprietà esclusiva di nessuno”.

Secondo la Corte dei Conti Ue, il progetto dell’Alta Velocità è antieconomico, non sarà ultimato nel 2030, l’inquinamento prodotto per la costruzione supera i benefici ambientali dell’opera, i cui costi sono lievitati enormemente negli anni così come i ritardi che da soli giustificano il dirottamento dei fondi Ue. In un dossier che analizza 8 opere, l’Eca fa di conto: rispetto alla stima originaria (5,2 miliardi), i costi sono saliti dell’85%, a fronte del 45% che è la media per le altre opere. Solo il tunnel principale costerà 8,6 miliardi di euro. Lo scorso anno, quando il premier Giuseppe Conte annunciò che l’Italia avrebbe continuato con la costruzione specificò che lo stop sarebbe costato più della prosecuzione dei lavori.

Non solo: l’istituzione europea reputa “probabile” che il Lione-Torino “non sarà pronto” tra dieci anni, “poiché il termine ultimo attuale per il completamento lascia solo un piccolo margine per potenziali ritardi”, mentre “l’azione co-finanziata dall’Ue per quest’opera aveva già subìto ritardi di attuazione dopo che era stato fissato il termine ultimo”. La Corte dei Conti Ue invita anche a riflette sul “forte rischio” che “gli effetti positivi” sull’abbattimento delle emissioni di CO2 “siano sovrastimati”. Non si tratterebbe dell’unica cifra ‘gonfiata’, poiché restano dubbi anche sulle stime di traffico definite “troppo ottimistiche” poiché pari a “otto volte i flussi attuali”: “Alcune previsioni sono state molto semplicistiche, con tassi di crescita che rimangono costanti nel tempo – si legge nel dossier – Le previsioni non sono sempre state aggiornate, e di solito non sono state riviste per tener conto dei ritardi verificatisi”. Secondo i tecnici Ue, per stare in piedi l’opera deve poter trasportare 9 milioni di passeggeri l’anno, ma “il bacino di utenza è troppo poco numeroso per assicurare una sostenibilità a lungo termine”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Stefano (M5s): “Partiti fascisti e nazisti punto di riferimento della Lega”. Fedriga: “Parole drammatiche”. Lo scontro a La7

next
Articolo Successivo

Contante, da oggi il tetto scende a 2mila euro. Salvini: “Follia”. Pd: “Indispensabile per combattere le mafie. Grave che non lo capisca”

next