“Il divieto del bagaglio a mano è folle ed espone i passeggeri a un maggiore rischio di contagio“. A dirlo è Eddie Wilson, l’amministratore delegato di Ryanair, in un’intervista al Corriere della Sera commentando la decisione dell’Ente nazionale per l’aviazione civile di vietare l’uso delle cappelliere degli aerei, obbligando così l’imbarco anche dei bagagli a mano. “Rispettiamo la decisione, ma sembra una norma pensata da persone che non sanno come funziona il trasporto aereo”, aggiunge l’ad della compagnia aerea low cost irlandese.”Al netto del disagio – spiega Wilson – questo divieto aumenta le occasioni di assembramento. In primo luogo le persone sono costrette a fare le code ai banchi del check-in per depositare i bagagli e questo avviene in aree dell’aeroporto con spazi che non consentono di rispettare la distanza sociale. È meno rischioso l’imbarco seguendo un ordine sequenziale sulla base della posizione del sedile”. Inoltre, prosegue, “la loro valigia viene toccata da altre persone che si occupano di metterla in stiva, quindi di scaricarla e depositarla sul nastro di consegna. Nastro che diventa altra occasione di assembramento a destinazione”.

“Servono regole comuni in Europa. Secondo l’Easa – dice ancora – le persone possono tornare a volare se ci sono regole uguali in tutti i Paesi, non capisco perché l’Enac sia andata in un’altra direzione. Qualcuno mi spiega perché l’Italia è l’unico Paese del continente ad avere questa regola così restrittiva?”, chiede Wilson che poi tocca il nodo Alitalia.”Non abbiamo problemi con Alitalia, ma è un buco nero che ha già inghiottito 12 miliardi e che deve competere in modo onesto”, motivo per cui sulla nazionalizzazione “faremo sicuramente ricorso alla Ue“.

Il mercato italiano, spiega Wilson, “rischia di essere problematico a causa dei 3 miliardi stanziati per rilanciare Alitalia: soldi che il governo vorrebbe prendere dalle altre compagnie alzando l’addizionale comunale sui diritti d’imbarco e che finirebbero per far aumentare il costo dei biglietti”. Quanto agli incentivi degli aeroporti alla compagnia low cost, questione sulla quale Alitalia accusa Ryanair, Wilson non usa mezzi termini: “Perché non partecipano anche loro a schemi di agevolazione? Perché hanno costi operativi così alti che non riuscirebbero a essere competitivi con le nostre tariffe. Alitalia ha aerei sbagliati, frequenze sbagliate e modello di business sbagliato”, conclude.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il videotutorial dell’Oms con le regole per riconoscere le bufale: “Condividere false informazioni può essere pericoloso”

next
Articolo Successivo

Val Susa, nella notte protesta No Tav davanti all’hotel dove alloggiano i poliziotti: “Blocchi e controlli ogni giorno. Via da qui”

next