Avrebbe compiuto 30 anni ad agosto la giovane promessa del poker italiano Matteo Mutti, di Tirano, in provincia di Sondrio. Una vita passata a combattere e scommettere, sia nella sua professione, il poker, che nella sua vita. Dopo numerosi successi sui tavoli internazionali, ad agosto gli è stata diagnosticata la leucemia. Ricoverato all’ospedale San Matteo di Pavia, a gennaio era riuscito a ottenere un trapianto di midollo osseo grazie a un donatore compatibile. Quindi, per due mesi, la speranza di guarigione aveva risollevato la famiglia, sempre al suo fianco, nonostante le successive restrizioni causate dall’arrivo della Covid-19. Il nuovo coronavirus ha colpito anche il giovane Matteo che, il 16 aprile, è stato ricoverato d’urgenza per danni ai polmoni.

Ieri, primo luglio, si sono tenuti i funerali del giovane a Tirano, nella chiesa parrocchiale di San Martino. Tutta la comunità si è stretta intorno alla famiglia di Franca e Francesco e ai fratelli di Matteo: Stefano e Maurizio. Si sono uniti al cordoglio anche i tanti giocatori che hanno conosciuto Matteo sui tavoli di poker, virtuali e non, dove la giovane promessa si era imposta riuscendo a raggiungere grandi risultati. Nel 2016 Matteo aveva vinto il Main Event del Wsop international circuit a Campione d’Italia, mentre un anno prima aveva conquistato la doppia “picca” di PokerStars al Side di Malta a marzo e all’Italian Poker Tour di Nova Gorica a settembre. Nonostante i premi conquistati, Matteo era comunque un ragazzo vicino alla propria terra, dove era tornato dopo mesi passati a Londra per lavorare con il padre al suo negozio di ortofrutta. “Matteo era solare, altruista, un campione che amava la vita”, lo ricorda lo zio Marco.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ezio Berti, l’alpinista veneto protagonista di 25 spedizioni sull’Himalaya. “Era tutto famiglia e cime, aveva una sola amante: la fotografia”

next
Articolo Successivo

Filiberto Degani, morto per complicazioni da Covid-19 l’uomo che scoprì Vasco e Capossela. È stato patron dello Snoopy di Modena

next