Non accenna a diminuire l’esplosione di contagi negli Stati Uniti. Dopo i numeri da record registrati ieri, gli ultimi aggiornamenti parlano di 39.972 nuovi positivi in 24 ore, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins Universuty: un nuovo primato. E nello stesso arco di tempo sono state registrate anche 2.425 vittime. I numeri complessivi parlano così di 2.422.299 casi nel paese dall’inizio della pandemia e 124.410 morti.

Il presidente americano, Donald Trump, sostiene che “il numero dei casi di China Virus salgono grazie al grande numero dei test, con il numero dei morti (il tasso di mortalità) che va diminuendo”, chiedendo così di abbassare il numero di tamponi effettuati e attirando critiche da opposizione e mondo scientifico. E intanto la task force americana per il coronavirus torna in pubblico per la prima volta in quasi due mesi con una conferenza stampa in programma nel pomeriggio italiano.

Contro le parole del tycoon si era espresso anche l’epidemiologo a capo degli esperti della task force contro il coronavirus, Anthony Fauci, che durante la sua ultima audizione alla Camera ha dichiarato: “È il contrario, faremo più test non meno test“. E anche Bill Gates, in un’intervista alla Cnn, ha attaccato il presidente: è “completamente falso” che il numero dei casi di coronavirus negli Stati Uniti sale perché si fanno i test, ha dichiarato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Egitto, per la politica italiana la ragion di Stato primeggia sui diritti umani

next
Articolo Successivo

L’impatto del coronavirus visto dallo spazio, ecco la nuova piattaforma di Nasa, Esa e Jaxa

next