Microsoft Defender, l’antivirus gratuito integrato nel sistema operativo Windows 10, è disponibile in anteprima per Android. L’antivirus, che sarà presto disponibile in versione completamente gratuita sul Google App Store, rimarrà in background con una protezione in tempo reale e notificherà eventuali anomalie all’utente qualora fosse strettamente necessario, andando a prendere decisioni in autonomia per la maggioranza dei casi.

Gli ingegneri Microsoft spiegano che verranno anche scansionate le firme di potenziali app dannose, dettaglio che solitamente non viene “scovato” dal filtro anti malware applicato dal Google Play Store. Succede solitamente che alcune applicazioni possiedano alcune firme “nascoste” che eludono i controlli di sicurezza, andando ad infettare il sistema operativo.

Microsoft Defender proteggerà il vostro smartphone anche durante la navigazione Web e scansionerà in background persino i link che arriveranno tramite chat, SMS, mail, etc. E con il Defender SmartScreen abilitato, l’antivirus bloccherà eventuali connessioni di rete verso l’esterno che le app potrebbero creare all’insaputa dell’utente per rubare i dati sensibili.

Microsoft dunque, sotto la guida del CEO Satya Nadella, continua lungo il percorso imboccato alcuni anni fa, per molti versi antitetico rispetto a quello storico del periodo Ballmer/Gates. Da quando Nadella è alla guida del colosso di Redmond infatti i servizi Microsoft sono stati sganciati dal proprio sistema operativo e proposti – con molto successo – come app indipendenti, sia su Android che su Apple.

Microsoft Defender arriverà infatti anche su iOS (è già presente su macOS dall’anno scorso ed anche su Linux) ma per la natura del sistema operativo di Apple è più difficile avere le autorizzazioni per poter svolgere un controllo a 360 gradi di ciò che succede. Di ostacoli da superare dunque ce ne sono ancora molti, ma Microsoft si aspetta di pubblicare la prima versione sull’App Store entro la fine dell’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Honor 9A, arriva in Italia lo smartphone da 149 euro con batteria da 5000 mAh

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy Book S, Book Flex e Book Ion: i nuovi portatili arrivano anche in Italia

next