Non fu autorizzato ad andare in bagno e si urinò addosso, riuscendo a cambiarsi solo oltre un’ora dopo davanti a colleghe e colleghi. A 3 anni di distanza dai fatti, anche la Corte d’Appello dell’Aquila, come già il giudice del lavoro di Lanciano, Cristina Di Stefano, nel settembre 2019, dà ragione a un operaio della Sevel, joint venture tra Fca e Psa che produce veicoli commerciali leggeri. L’azienda dovrà risarcirlo con un indennizzo di 5mila euro e il pagamento delle spese legali.

Come ricostruiva la sentenza di primo grado e ha sostanzialmente confermato l’appello, il lavoratore azionò per la prima volta il dispositivo di chiamata-emergenza alle 16,45 per potersi allontanare, senza che nessun team leader andasse nella sua postazione. L’operaio “ha dunque azionato il dispositivo della postazione vicina”, sempre “con esito negativo” e alla fine ha chiesto ai team leader che si trovavano nei paraggi il permesso di recarsi alla toilette, senza però ottenere risposta positiva.

“Giunto allo stremo, e non avendo alternativa alcuna – si leggeva nella sentenza – lasciava la postazione e correva verso i servizi igienici, non riuscendo ad evitare di minzionarsi nei pantaloni”. “Nonostante ciò – scriveva il giudice del lavoro di Lanciano – riprendeva immediatamente il suo lavoro; chiedeva di potersi cambiare in infermeria, ma tale permesso gli veniva negato”, tanto da riuscire a cambiarsi solo “durante la pausa, alle 18, presso il cosiddetto ‘Box Ute’, al cospetto di tutti i lavoratori vicini, donne comprese”.

A rendere nota la nuova condanna è stato il sindacato Usb ribadendo che il datore di lavoro ha arrecato “concreto e grave pregiudizio alla dignità personale del lavoratore nel luogo di lavoro, al suo onore e alla sua reputazione, indubbiamente derivante dall’imbarazzo di essere osservato dai colleghi di lavoro con i pantaloni bagnati per essersela fatta addosso”.

La sentenza, dice l’Usb, “ha reso giustizia al lavoratore e gli restituisce in parte la dignità che rimane irrimediabilmente lesa per le conseguenze che la vicenda ha inevitabilmente generato in lui a livello morale e psicologico”. La partita, ad avviso del sindacato, non sia comunque finita: “A suo tempo la Sevel ha presentato querela per diffamazione aggravata per mezzo stampa nei confronti del lavoratore e del coordinatore provinciale dell’Usb, Fabio Cocco, sostenendo che avessero trasmesso ai media di informazioni non vere”.

“All’esito delle indagini la Procura di Lanciano – dice ancora il sindacato – ha depositato richiesta di archiviazione non ritenendo fondata la querela di Sevel. Sull’archiviazione della querela restiamo in fiduciosa attesa per mettere la parola fine a questa triste vicenda”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smart working, Sala rilancia: “Le aziende pensano a piani di licenziamento. E con la gente a casa tutte le attività si fermano”

next
Articolo Successivo

Sindacati, Fim: “Bossoli e minacce di morte all’ex segretario Marco Bentivogli per i 10 anni dell’accordo Fiat di Pomigliano”

next