Romelu Lukaku come Nicolas Nkoulou e tanti altri prima di lui nella lotta contro il razzismo. L’attaccante dell’Inter ha segnato al decimo minuto nel match contro la Sampdoria, recupero della 25/a giornata di Serie A, ed ha esultato inginocchiandosi in memoria di George Floyd, l’afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis nelle scorse settimane. Nella notte di San Siro il suo gol e quello di Lautaro Martinez hanno permesso all’Inter di battere 2-1 la Sampdoria e rilanciare le proprie ambizioni, riportandosi a meno sei punti dalla capolista Juventus.

Il centravanti dell’Inter è uno dei volti della lotta al razzismo nel calcio. Già nel settembre scorso, dopo la sua seconda apparizione in Serie A contro il Cagliari, il numero 9 belga ha scritto un lungo messaggio sui social per sensibilizzare il calcio italiano sull’argomento: “Il calcio è un gioco amato da tutti e non dovremmo accettare alcuna forma di discriminazione che possa far vergognare il nostro sport. Spero che le federazioni di tutto il mondo reagiscano con forza“, aveva scritto. Rivolgendo anche un appello ai suoi colleghi: “In quanto calciatori dobbiamo essere uniti e prendere una posizione su questa questione, per far sì che il calcio resti un gioco pulito e divertente per tutti”.

Il gesto di inginocchiarsi è diventato un simbolo dell’antirazzismo ed è stato compiuto anche dal difensore del Torino Nkoulou dopo il suo gol contro il Parma (la partita, giocata sabata, è terminata 1 a 1). Il gesto di protesta è stato reso popolare dalla star del football americano Colin Kaepernick, che si inginocchiava durante l’inno americano prima di ogni match.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Corso morto, addio al “piede sinistro di Dio”: bandiera interista, fu protagonista dell’epopea del ‘Mago’ Herrera. Aveva 78 anni

next
Articolo Successivo

Serie A, il campionato post coronavirus è una grande amichevole estiva

next