Se ne è andato un altro dei protagonisti della grande Inter di Helenio Herrera. A 78 anni è morto Mario Corso, per tutti Mariolino, centrocampista mancino diventato una bandiera nerazzurra dopo aver indossato la maglia del club dal 1957 al 1973, negli anni gloriosi del Mago in panchina. Corso avrebbe compiuto 79 anni il 25 agosto. Era ricoverato da giorni in ospedale.

A dare l’annuncio sui social è stata la società nerazzurra che in un tweet ha pubblicato la foto del centrocampista con indosso la maglia del club e un messaggio rivolto ai tifosi: “È scomparso Mario Corso, interista, campione eterno dotato di infinita classe. Con il suo sinistro ha incantato il mondo in una squadra che ha segnato un’epoca. I pensieri e l’affetto di tutti noi vanno alla famiglia in questo momento difficile”.

Corso è stato uno dei protagonisti della Grande Inter di Helenio Herrera e dei Moratti. Fedele al club dal 1957 al 1973, ha contribuito a portare al Meazza quattro scudetti, due Coppe dei Campioni e una Coppa Intercontinentale. Sinistro educato e letale, in maglia nerazzurra Corso ha collezionato 509 presenze e realizzato 94 reti. È lui, inoltre, ad aver inventato la famosa punizione “a foglia morta”, sua specialità, tecnica che ha ispirato maestri del calcio piazzato come Alex Del Piero. Il primo gol in maglia interista lo ha segnato a 17 anni e 92 giorni, un record ancora imbattuto tra i tanti attaccanti e campioni che negli anni hanno indossato la casacca nerazzurra.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Serie A riparte, le storie degli altri “scudetti d’estate”: l’Inter del 19enne Meazza, il duello tra Torino e Juve, i vigili del fuoco di La Spezia

next
Articolo Successivo

Romelu Lukaku, l’attaccante dell’Inter segna e si inginocchia in memoria di George Floyd

next