“Libere di scegliere, questa è la mia vita, la RU la voglio garantita”. È il messaggio lanciato durante manifestazione che si è svolta nel centro di Perugia contro la modifica da parte della Regione della delibera sull’aborto farmacologico, che prevede tre giorni di ricovero in ospedale e non più il solo day hospital. In tante si sono ritrovate in piazza IV Novembre, nonostante la pioggia, per un appuntamento promosso dalla Rete umbra per l’autodeterminazione e animato da numerose realtà associative femministe. Attiviste e attivisti, rigorosamente con un accessorio rosso, colore simbolo del sangue e delle lotte per l’autodeterminazione

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale sulla Sla, i racconti dei malati durante il lockdown. Le associazioni: “Garantire assistenza e potenziare la ricerca”

next
Articolo Successivo

Madri e figli in carcere, Cittadinanzattiva: “Case famiglia protette al posto delle sbarre”

next