“Libere di scegliere, questa è la mia vita, la RU la voglio garantita”. È il messaggio lanciato durante manifestazione che si è svolta nel centro di Perugia contro la modifica da parte della Regione della delibera sull’aborto farmacologico, che prevede tre giorni di ricovero in ospedale e non più il solo day hospital. In tante si sono ritrovate in piazza IV Novembre, nonostante la pioggia, per un appuntamento promosso dalla Rete umbra per l’autodeterminazione e animato da numerose realtà associative femministe. Attiviste e attivisti, rigorosamente con un accessorio rosso, colore simbolo del sangue e delle lotte per l’autodeterminazione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale sulla Sla, i racconti dei malati durante il lockdown. Le associazioni: “Garantire assistenza e potenziare la ricerca”

next
Articolo Successivo

Madri e figli in carcere, Cittadinanzattiva: “Case famiglia protette al posto delle sbarre”

next