Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Roberto Severoni

Da ragazzino sono rimasto vittima di un incidente che mi ha reso invalido. Le conseguenze sono state tali e tante che il mio fisico non tollera carichi di lavoro prolungati. Mi sono cimentato in vari lavori, adattandomi, sacrificandomi in mansioni a volte lontane dai miei studi e dal mio essere. Poi ho scoperto la mia passione e sono diventato un giardiniere, che cura il verde e l’anima.

Questo lavoro mi ha dato la possibilità di rispettare i ritmi del corpo dandomi le soddisfazioni e le emozioni che solo la cura del verde può dare. Ho cercato di regolarizzare e rendere questo impegno un lavoro ma invano. Possiamo aspirare solo a diventare dipendenti disabili e non imprenditori disabili.

Solo le cooperative sociali hanno delle agevolazioni fiscali e previdenziali, e i privati hanno un obbligo ad assumere una quota di personale con handicap e possono godere di importanti sgravi fiscali, ma preferiscono pagare la multa e non assumerli. Le persone con disabilità che cercano di avviare un’attività lavorativa non hanno alcun privilegio fiscale e previdenziale.

Sarei ben felice di pagare la mia parte di tasse se questo mi permettesse di essere autonomo e di realizzarmi. Non avrebbe prezzo. Noi siamo cittadini di serie B con diritti di serie B e obblighi di serie A, è un paradosso fiscale, morale ed economico.

Eppure in Italia si sono mosse le coscienze e si è creato il reddito di cittadinanza per le famiglie in difficoltà, molto giustamente. Anche noi siamo in difficoltà, tripla difficoltà – fisica, mentale e soprattutto economica – e veniamo trattati come persone incapaci, più che invalide.

Eppure basterebbe poco, dando a noi una possibilità che la sorte ci ha tolto, restituendo un minimo di dignità e una possibilità economica che altrimenti sarebbe irraggiungibile date le nostre condizioni.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aborto, Speranza ha chiesto parere al Consiglio di sanità “per favorire quello farmacologico”. In Umbria manifestazione contro lo stop

next