Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Antonio Zarra

Secondo la Bce l’economia mondiale manifesta una grave e grande incertezza, accentuata dalla crisi della pandemia e per questo si cercherà di fornire aiuti concreti ai Paesi più in difficoltà. Sai che novità! E’ da un decennio circa che tutti gli indicatori economici annunciano difficoltà a ripetizione per tutta una serie di motivi. I maitre à penser del settore continuano a pontificare che siamo messi proprio male.

Qui nessuno vuole minimizzare la crisi economica e sociale esacerbata dall’infido virus, ma il problema di fondo non è legato alla contingenza: risale alle politiche messe in atto da decenni, ormai! L’origine dell’andamento lento dell’economia che si è ripercosso e si ripercuote tuttora risale alla nascita dell’Ue, nata male e cresciuta peggio.

Da allora, secondo i dati economici, il potere d’acquisto di salari e stipendi è diminuito vertiginosamente, causando nuove sacche di povertà anche tra la fascia di popolazione che un lavoro ce l’ha, perché non riesce ad arrivare a fine mese. Fino a quando la libera circolazione sarà vantaggiosa per il Grande Capitale Finanziario che si sposta a suo piacimento dove più può fare affari e speculazioni, non se ne esce.

Il fatto poi che ci siano nazioni all’interno dell’Unione che si comportano come paradisi fiscali (Olanda, Lussemburgo. Irlanda) e offrono una fiscalità vantaggiosa a i grandi gruppi industriali è come essersi dati la zappa sui piedi da soli. L’esempio della Fca è solo l’ultimo di una lunga serie, purtroppo. A ciò si aggiunge l’evasione ed elusione fiscali delle grandi multinazionali del web.

Se non ci sarà una politica fiscale comune o quantomeno simile, una politica dei redditi che permetta di non avere una disparità di salario e stipendio così netta tra un paese e un altro, gli effetti saranno sempre quelli summenzionati, con gravi ripercussioni tra la parte meno garantita della popolazione e che scateneranno ulteriori guerre tra poveri, mentre imprenditori e capitalisti senza scrupoli continueranno ad ingrassare i loro conti in banca sulle spalle dei tanti poveri cristi che fanno i salti mortali per sbarcare il lunario.

Manca un cambio di rotta per un diverso modello di sviluppo che ha causato e causa sfruttamento delle risorse ambientali, degli esseri umani, fame e disastri ambientali, mentre una percentuale bassissima detiene i cordoni della borsa per ingozzare le sue fameliche fauci.

Per fare ciò c’è bisogno di una grande Progetto Politico e di uomini competenti e capaci che abbiamo una Grande Visione. Ce ne sono in giro? A me pare siano tutti latitanti e che il palcoscenico sia frequentato, ahinoi, solo da guitti, nani e ballerini!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Razzismo, l’eurodeputata nata in Mali: “Io aggredita dalla polizia belga”. Sassoli: “Chiederemo spiegazioni”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, Conte: “Serve ok entro luglio”. Ma resta la distanza con i rigoristi: “Squilibrio aiuti-prestiti. Difficile chiudere in estate”

next