Con un post sul blog ufficiale, Facebook ha confermato l’inizio della fase di test di WhatsApp Pay, il sistema di pagamenti digitali tramite la popolarissima app di instant messaging. Al momento il servizio è stato introdotto in Basile, ma se la sperimentazione proseguirà positivamente e senza intoppi il servizio sarà presto esteso ad altri mercati, Italia compresa, dove l’app è molto amata e diffusa.

Il servizio si basa sulla piattaforma proprietaria Facebook Pay e, come essa, costituisce uno strumento versatile, utilizzabile all’interno dell’app tanto per effettuare donazioni quanto micro-transazioni all’interno dei videogiochi, ma anche per scambiare piccole somme di denaro tra utenti o pagare acquisti di prodotti visti nei marketplace o ancora ad esempio di biglietti per eventi.

“Abbiamo progettato il nostro sistema di pagamento ponendo la massima attenzione alla sicurezza, pertanto sarà richiesto un PIN a sei cifre o l’impronta digitale al fine di prevenire transazioni non autorizzate“, si legge nel documento ufficiale. Per il momento WhatsApp ha stipulato accordi con alcuni istituti bancari brasiliani, per consentire l’uso di carte di credito o debito sui circuiti Visa e Mastercard ma, come spiega Facebook, il modello creato è aperto e consentirà di accogliere altri partner in futuro.

“Scambiarsi denaro ed effettuare acquisti su WhatsApp sarà gratuito per le persone fisiche. Per le aziende invece è prevista una commissione per l’elaborazione dei pagamenti ricevuti dai propri clienti, in linea con quanto accade per le transazioni con carta di credito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

LG Velvet, finalmente disponibile in Italia il nuovo smartphone di fascia media dal design ricercato

next
Articolo Successivo

Realme porta in Italia quatto nuovi prodotti tra smartwatch, smartband e auricolari

next