Tra i settori in sofferenza per l’epidemia da coronavirus c’è quella dei lavoratori dei bar e dei ristoranti, che faticano a rialzare la testa anche a causa della perdita dei clienti che lavorano da casa in smart working e non si recano più in ufficio. Al centro di Roma, in zona Circo Massimo, ciò si aggiunge all’attuale mancanza di turisti: “Abbiamo perso 2-3 della clientela – ha spiegato una barista – vengono in ufficio un giorno a settimana”. Nel quartiere Eur, sede di moltissimi uffici, la crisi si fa sentire in modo ancora più grave, come evidenziato dal gestore di un bar-tavola calda: “Stiamo perdendo dal 90 al 95% del fatturato rispetto all’anno scorso. Venivano un centinaio di persone a pranzo, adesso 10-20 nei giorni in cui c’è tanta gente”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, ampliamento del laboratorio non (ancora) autorizzato: maiali allevati per la ricerca spediti in Belgio

next
Articolo Successivo

Fq Millennium, da sabato 13 giugno il nuovo numero in edicola: “Alle aziende il triplo del reddito di cittadinanza”

next