Circa 650 esuberi spalmati su dieci anni, tramite pensionamenti e prepensionamenti volontari. Esclusi licenziamenti ed esternalizzazioni. È la base dell’accordo raggiunto tra i sindacati e i commissari della Banca Popolare di Bari: un’intesa che spiana la strada al piano di salvataggio di Mcc e Fitd. Mediocredito centrale, che si appresta a diventare socio stabile di Pop Bari, “ha manifestato l’intenzione di sviluppare il progetto volto alla creazione di un polo bancario del Sud“, spiegano i sindacati.

Le sigle bancarie Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin hanno firmato oggi a Roma l’accordo per il salvataggio dell’istituto di credito pugliese. Il testo sottoscritto prevede appunto circa 650 esuberi sul totale di 2.700 dipendenti. “Pensionamenti e i prepensionamenti saranno gestiti solo su base volontaria e permetteranno un risparmio di 67 milioni di euro, meno rispetto ai 70 milioni inizialmente chiesti dai commissari”, spiegano i sindacati. “Saranno chiuse 91 filiali – aggiungono – anche in questo caso con una riduzione rispetto alla richiesta dei commissari di 94“.

Gli esuberi, spalmati su 10 anni, avverranno anche tramite l’utilizzo delle norme per l’anticipo della pensione “Quota 100“. “Scongiurata – spiegano i sindacati – qualsiasi ipotesi di esternalizzazione“. Verranno inoltre confermati tutti i contratti di lavoro a tempo determinato. “Nell’accordo non hanno trovato spazio né i riferimenti alla legge 223 del 1991 sui licenziamenti collettivi né i riferimenti al demansionamento delle lavoratrici e dei lavoratori”, rivendicano ancora i sindacati. Che hanno infine chiesto “una forte discontinuità nel management affinché il piano industriale sia gestito da un nuovo gruppo dirigente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, gli operai di Taranto: “Stop a relazioni con Mittal. Dal governo solo rinvii, istituzioni locali intervengano o andremo sotto loro sedi”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), i medici italiani in fuga all’estero: “Più meritocrazia e stipendi migliori”. Al sistema sanitario mancano 10mila dottori

next