Telegram continua a introdurre delle interessanti novità: con la versione 6.2, come annunciato nel blog ufficiale del servizio di messaggistica istantanea, è stato infatti introdotto anche un editor video, oltre a diverse funzioni che consentono di migliorare la condivisone dei contenuti multimediali.

Ad anni di distanza dalla comparsa dell’editor pensato per le foto, introdotto nel 2015, Telegram ha dunque deciso di rinnovare la piattaforma, inserendo un interessante editor per i filmati da inviare ai propri contatti. La funzionalità più interessante è Migliora, con cui sarà possibile migliorare automaticamente la qualità visiva dei video da condividere. Il software si occuperà infatti di gestire i principali parametri che incidono sulla qualità, come la saturazione e la luminosità del video, rendendo anche i colori più brillanti.

Cliccando sul pennello si accede al vero e proprio editor che, se pur limitato, permetterà agli utenti di dare libero sfogo alla propria fantasia. Sarà possibile disegnare sui filmati, inserire emoji, sticker (anche quelli animati) e gestire manualmente tutte le varie impostazioni.

Migliorata anche la sezione dedicata alle GIF: basterà tenere premuto un contenuto per salvarlo nella scheda “recenti”, un luogo in cui poter accedere rapidamente alle proprie GIF preferite. Gli utenti potranno anche inserire le conversazioni nelle cartelle semplicemente premendo su una chat e cliccando l’apposita voce. La variante di Telegram per Android, che ha recentemente superato i 500 milioni di download, ha ottenuto delle novità esclusive: migliorato il player video e nuove animazioni.

Infine, per chi ha molte chat e usa le cartelle, arrivano le cartelle flessibili: basta infatti tenere premuto su qualsiasi chat nella lista per aggiungerla ad una delle proprie cartelle o, viceversa, per rimuoverle dalla accolta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Motorola One Fusion+, smartphone di fascia media con Snapdragon 730 e 6 GB di RAM a 299 euro

next