Microsoft ha annunciato la disponibilità in Italia del Surface Book 3, nuova versione del suo notebook convertibile – ossia un portatile che può trasformarsi in notebook grazie al display sganciabile – presentata lo scorso 7 maggio. L’estetica non è stata stravolta rispetto alle generazioni precedenti ma c’è stato un completo aggiornamento delle caratteristiche tecniche, che lo rendono più potente e al passo coi tempi e le esigenze degli utenti.

Il dispositivo è disponibile nelle versioni da 13,5 e 15 pollici. Le novità sono tutte a livello hardware. Anzitutto debuttano i processori Intel Ice Lake di decima generazione, ossia la più recente, realizzati con processo produttivo a 10 nm, che offre consumi ridotti. Il processore i5-1035G7 è destinato solo al modello da 13,5 pollici con 8 GB di RAM e 256 GB di storage. Gli altri allestimenti invece prevedono tutti il processore Core i7-1065G7 con 16 o 32 GB di RAM e con la memoria interna affidata a unità a stato solido con capienza massima di 1 TB.

Quanto alla parte grafica, si può scegliere tra le Nvidia GeForce GTX 1650 e 1660 TI Max-Q o l’Nvidia Quadro RTX 3000, tutte integrate nella tastiera ad aggancio magnetico fornita in dotazione. L’autonomia dichiarata è di 17,5 ore.

Surface Book 3 è già disponibile all’acquisto sul Microsoft Store e presso i rivenditori autorizzati. Il modello da 13,5 pollici parte da 1849 euro, ma a seconda della componentistica scelta può raggiungere i 3099 euro. Il modello da 15 pollici invece parte da 2649 euro fino a toccare i 3449 euro. Per gli utenti business, si parte da 1949 euro.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rinnovabili, una nuova tecnologia sfrutta l’ombra per produrre energia

next
Articolo Successivo

Facebook, in arrivo tema scuro per l’app mobile e possibilità di trasferire le foto su Google Foto

next