Per fare domanda di Reddito di emergenza serve la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica, il documento che contiene le informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali necessarie a descrivere la situazione economica del nucleo familiare con la quale si ottiene l’indicatore Isee. Lo sottolinea l’Inps in una nota, rilevando nell’esame delle prime richieste pervenute l’assenza in numerosi casi di una dsu valida. L’istituto ha illustrato con la circolare 69 del 3 giugno 2020 le norme che disciplinano il Rem, la nuova misura di sostegno economico introdotta con il decreto Rilancio per sostenere i nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

“Nella circolare è precisato che fra i requisiti richiesti al momento della presentazione della domanda, in aggiunta a quelli socio-economici previsti dalla legge, è indispensabile la presenza di una Dsu valida. In mancanza, la domanda non potrà essere accolta e sarà quindi necessario presentare una Dsu valida e, successivamente, una nuova domanda di rem“, si legge nel testo.

Le domande possono essere presentate entro e non oltre il 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali: online, dal sito www.inps.it, autenticandosi con Pin, Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica o tramite i servizi offerti dai Patronati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla, l’azienda raggiunge due obiettivi e Elon Musk sblocca la prima parte del suo stipendio da 55 miliardi di dollari

next
Articolo Successivo

Dl Rilancio, approvato il modello per chiedere il contributo a fondo perduto dal 15 giugno: la procedura, i beneficiari e i requisiti

next