Seduta sospesa alla Camera durante il voto sul Dl Scuola, dopo che i deputati della Lega hanno innalzato uno striscione con la scritta “Azzolina bocciata“. Protesta che ha scatenato in caos in Aula. A suscitare l’ira dei parlamentari del Pd, come ha spiegato successivamente Enrico Borghi e Patrizia Prestipino, è stato il fatto che alcuni deputati della Lega hanno attraversato precipitosamente l’emiciclo e sono saliti sui banchi del Pd per fotografare i colleghi con lo striscione e poter postare la foto sui social. Dopo la sospensione della seduta, alla ripresa è intervenuto Enrico Borghi: “I nostri banchi sono stati invasi – ha detto Borghi – non vogliamo che la Camera diventi l’anticamera di uno stadio. Noi rispettiamo l’ostruzionismo della Lega, ma pretendiamo il rispetto delle nostre prerogative”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca attacca Report: “Trasmissionaccia, querelo”. La risposta di Ranucci: “Si è sottratto al confronto e ora fa un monologo per insultare”

next
Articolo Successivo

Di Battista a Sono le Venti (Nove): “Renzi? Non conta niente, non farà cadere il governo. Alla prova dei fatti si è sempre tirato indietro”

next