“Matteo Renzi? Ha vissuto varie fasi: ora è in quella dei giochi di palazzo perché ha capito che non sarà mai più popolare e perché non è simpatico”. Così Antonio Padellaro, ospite del programma di approfondimento settimanale ‘Punto Esclamativo’, realizzato da Loft Produzioni e condotto da Luca Sommi, disponibile su sito (www.iloft.it) e app tutti i martedì alle 17, ha commentato l’atteggiamento del leader di Italia viva che pungola continuamente e tiene sulle spine il governo, ma parallelamente vede che questo comportamento lo fa calare nei sondaggi invece di farlo salire. “Abbiamo conosciuto vari Renzi. Il primo Renzi era un giovane emergente ed è arrivato poi ad essere l’uomo del 40,8 per cento. Ad un certo punto sembrava che fosse cominciata l’era renziana che potesse durare chissà quanto – ha detto l’editorialista de Il Fatto Quotidiano – Poi è entrato in un cono d’ombra da cui sta cercando di uscire attraverso il ‘terzo’ Renzi, che è il Renzi dei giochi di palazzo. Lui ha capito, siccome è intelligente ovviamente, che lui non sarà mai più popolare, perché ha perso l’occasione che aveva avuto quando aveva vinto al Superenalotto, e soprattutto perché non è simpatico. Renzi non è simpatico, qualcuno ha detto che non è simpatico neppure a se stesso, quindi non ha carisma, non può essere popolare, allora cosa fa? Gioca come ago della bilancia al Senato, cercando di fare operazioni di potere“, ha concluso il giornalista.

‘Punto Esclamativo’ è un programma originale Loft, disponibile in abbonamento su sito e app di Loft ogni martedì alle 17.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gilet arancioni, Antonio Padellaro a Punto Esclamativo: “Mi preoccupa l’attesa a destra che arrivi la rabbia sociale per buttare giù Conte”

next
Articolo Successivo

Loft Masterclass, la lezione di Antonio Pescapè: “Tutti i rischi e le opportunità dell’intelligenza artificiale”

next