“Se l’andamento epidemiologico lo consentirà”, da metà giugno l’Austria riaprirà il confine con l’Italia. Ma nel caso in cui la curva non lo consentisse, Vienna valuterà la ripresa degli spostamenti con le Regioni italiane che possono dimostrare dati positivi. Nei giorni scorsi l’Austria aveva annunciato per il 15 giugno l’apertura definitiva dei confini con Germania, Liechtenstein e Svizzera. La scorsa settimana aveva poi prospettato un’apertura anche verso altri Stati limitrofi per consentire agli austriaci il rientro senza i 14 giorni di quarantena. “La situazione in Italia è quella più difficile. Cerchiamo comunque a breve una soluzione”, aveva detto il cancelliere Sebastian Kurz e solo il 28 maggio il ministro della Salute aveva frenato, definendo l’Italia “ancora un focolaio”. Intanto la Commissione europea ha presentato le linee guida agli Stati sulla riapertura delle frontiere. Proprio rispondendo a una domanda sul confine tra Italia e Austria, un portavoce dell’Esecutivo Ue spiega ai giornalisti che nelle “intense discussioni con tutti i Paesi” la Commissione “ha insistito sul principio di non discriminazione, nel senso che se uno Stato apre le sue frontiere ad una regione, deve fare altrettanto con le altre regioni che hanno la stessa situazione epidemiologica”.

La scelta di temporeggiare sull’apertura con l’Italia è stata fatta anche dalla Svizzera, che riteneva prematura una riapertura il 3 giugno e i viaggi, se pure possibili ai cittadini svizzeri, erano vivamente sconsigliati. La decisione sulle date però è fluida e dipende dall’andamento dell’epidemia nei vari Paesi. La Grecia, ad esempio, in un primo momento aveva deciso di far entrare in territorio nazionale dal 15 giugno tutti i turisti provenienti da 29 Paesi, tra cui Australia, Danimarca, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud. Poi ha aperto anche all’Italia, ma con regole precisa dal 15 al 30 giugno per chi proviene da Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. Per loro scatta comunque la quarantena in albergo dopo il tampone: 7 giorni per i negativi, 14 per chi è positivo. Dal 1 luglio invece tutti gli aeroporti greci apriranno ai voli internazionali, con test casuali per i passeggeri all’arrivo.

La commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johannson intanto invita ad adottare “prudenza e coordinamento” in tutti gli Stati: “Abbiamo una settimana importante di fronte per ulteriori aperture con gli Stati membri – scrive su Twitter – La più stretta disciplina è necessaria quando una folla raggiunge l’uscita. La Commissione Ue può continuare ad essere un buon amministratore, ma occorre che tutti camminino e non corrano”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Milano i tamponi sono (ancora) un miraggio. La Regione a Sono le Venti (Nove): “Non sappiamo quanto ci voglia, forse 15 giorni”

next
Articolo Successivo

Centrodestra in piazza, contestatori con bandiera dell’Unione europea insultati dai manifestanti: “Comunisti di m***”

next