“Pensare che la culla della cultura dell’antichità si sia ridotta a fare gli editti per escludere il Veneto lo trovo allucinante“. Così il presidente della Regione Luca Zaia ha commentato in conferenza stampa delle recenti decisioni della Grecia di imporre testa a chi proviene da zone “ad alto rischio”, incluso proprio il Veneto. “Mi chiedono cosa pensano gli operatori turistici greci – ha aggiunto -perché è chiaro che non ci vedono più“. “Noi siamo a disposizione per collaborare in modo costruttivo”, “mostrare le carte”, ma “non c’è un Paese indenne al coronavirus”. “Come si fa a dire una cosa del genere? – conclude – Noi non siamo degli appestati”

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, la Calabria ci ripensa: consiglio straordinario per abrogare la legge. Di Maio: “Surreale reintrodurre il privilegio”

next
Articolo Successivo

Confindustria contro il governo. Bonomi: “Politica dello struzzo rischia di fare più danni del Covid”. Gualtieri: “Parole ingenerose”

next