Ci sono molte destre in Italia, ma una sola è la piazza che le contiene. Quel che accade oggi a Roma è la sintesi di quanto in Italia la destra sia larga e diffusa. Di quante facce sia composta: quella tradizionale e sociale di Giorgia Meloni, quella movimentista e sovranista di Matteo Salvini, quella fascista di Casapound e le altre declinazioni di un fronte la cui prima linea è spesso dentro gli ambienti oscuri dell’estremismo.

Oggi camminano distanziate, attente a non contagiarsi. E infatti Meloni e Salvini, con l’aggiunta di Tajani per Forza Italia, hanno sfilato stamani. Il come lo hanno fatto è la perfetta metafora di quel che sono. Allergici a ogni regola, hanno dato prova dell’impossibilità di rispettare, anche ora che il Covid è dentro casa, le minime norme di convivenza. Annullato il distanziamento, ridotte a souvenir le mascherine, hanno fatto vincere la coreografia implacabile: essere in piazza significa farsi vedere, ed essere vicini gli uni agli altri significa farsi contare.

Hanno srotolato cinquecento metri di tricolore lungo il budello di via del Corso: accalcati e contenti.

Figurarsi oggi pomeriggio quegli altri, la destra forcona, populista, no vax, estremista, come rappresenterà la sua forza. È già scritto nel presagio del mattino: se possibile ancora più accalcati, più affamati, più feroci.

Queste due destre, così apparentemente lontane, al momento del voto tendono sempre a riavvicinarsi. E la capacità di sintesi, che è un dono sconosciuto a sinistra, dalle parti di Salvini, Meloni e Berlusconi riesce meravigliosamente.

Tante destre dunque, ma una sola piazza e – soprattutto – un solo cuore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Calabria, il consiglio regionale più veloce del west: 90 secondi per reintrodurre il vitalizio

next
Articolo Successivo

Chiamatelo come volete, ma non Piano di Rinascita

next