“Si è affermato il carrierismo” all’interno del quale “il nostro sistema delle correnti penalizza chi alle correnti non appartiene”. Lo ha detto, ospite su La7 di Non è l’Arena, Luca Palamara, pm romano ora sospeso, ed ex consigliere del Csm indagato a Perugia. Durante l’intervista, a proposito della bocciatura di Di Matteo al Csm nel 2016, Palamara ha negato “categoricamente” di essere un “nemico di Di Matteo”, per poi aggiungere: “La nomina fu ratificata dal plenum, non fu una nomina di Palamara”

video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Palamara da Giletti: “Mie chat su Salvini? No volontà di offendere, frase va circostanziata. Non rispecchia fedelmente il mio pensiero”

next
Articolo Successivo

Gilet arancioni, aggrediti in diretta tv giornalista e operatore di Tagadà (La7): “Non ci dovete rompere i cogl***, andatevene via”

next