Per la prima volta un razzo privato in missione per conto della Nasa con a bordo due astronauti ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale. A meno di un giorno dal lancio la capsula Crew Dragon della SpaceX è arrivata senza problemi all’Iss. Come previsto, infatti, la manovra è avvenuta in modo automatico, anche se a bordo i due astronauti della Nasa Doug Hurley al comando della capsula di Elon Musk, e Bob Behnken con il ruolo di pilota, hanno dovuto eseguire manualmente alcune delle operazioni di aggancio.

Dopo otto ore di sonno, seguite alla lunga giornata del lancio avvenuto alle 21,22 italiane di ieri, i due astronauti sono state risvegliati dal centro di controllo a Terra con la canzone dei Black Sabbath “Planet Caravan”. Durante il viaggio, i due hanno voluto dare un nome simbolico alla loro missione Demo2: l’hanno chiamata Endeavour, in onore di uno degli Space Shuttle e del modulo di comando dell’Apollo 15.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crew Dragon, lanciato il razzo dello SpaceX di Elon Musk: il momento del decollo nelle immagini della Nasa

next