Li hanno fermati per strada, nei pressi degli abituali punti di ritrovo come davanti ai McDonald’s, approfittando anche del passa parola tra i rider. Per fare luce sull’inchiesta di caporalato esercitato nei confronti dei ciclofattorini minacciati e pagati a tre euro a consegna, dopo che Uber Italy, appaltando a società terze la gestione dei dipendenti, è stata commissariata per sfruttamento perché ritenuta consapevole delle reali condizioni di lavoro, durante il fine settimana i carabinieri hanno chiesto a oltre mille rider, operanti per le principali piattaforme virtuali del food delivery, le reali condizioni di lavoro.

I controlli sono scattati da nord a sud, non solo nelle grandi città, in una sorta di maxi-ascolto di persone informate sui fatti nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla procura di Milano che indaga ad ampio spettro sui rapporti che intercorrono tra i ciclofattorini e le società di consegna di cibo a domicilio.

Un semplice questionario, ha sottolineato il Corriere della sera, è stato sottoposto tra un ordine e l’altro ai fattorini italiani e stranieri, senza distinzione. Tra le domande, da “come sei stato assunto?” a “quante ore devi fare al giorno e quanto vieni pagato?”. Le risposte, una volta analizzate, permetteranno agli agenti di capire in che modo vengono reclutati e pagati i fattorini, se ci sono situazioni di sfruttamento o pressioni da parte dei responsabili e se vengono violate le norme sull’immigrazione.

Se inizialmente alcuni dei riders, soprattutto quelli stranieri, sono parsi più restii a partecipare all’indagine che era prevista a marzo ma è stata rimandata a causa del lockdown, per “perdita di tempo” o per “paura di essere scoperti dai datori di lavoro”, scrive ancora il Corriere, una volta che la notizia si è diffusa nelle chat dei fattorini, gli agenti non hanno avuto più problemi a far compilare il questionario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il “farmacista” che dal Giappone sponsorizzava l’uso dell’Avigan contro il Covid in piazza con le “mascherine tricolore”

next
Articolo Successivo

Gilet arancioni, Pappalardo fa tappa a Bari: “La pandemia non esiste”. Famiglia Cristiana: “Riunione di idioti”. A Milano attese multe

next