Da divulgatore del video il presunto farmaco “miracoloso” contro il coronavirus, l’Avigan, senza però evidenze scientifiche sulla sua efficacia, a organizzatore della manifestazione non autorizzata delle “Mascherine tricolore”, andata in scena ieri a Roma e promossa dal gruppo Facebook di estrema destra “Marcia su Roma” e da alcune realtà vicine a Casapound. È polemica intorno alla figura di Cristian Aresu, diventato “famoso” a metà marzo per un video girato nel quartiere Ikebukuro di Tokyo, e pubblicato sui social, in cui il 41enne sponsorizzava il “farmaco che qui esiste dal 2012, agisce sul Rna, e che cura il 90% dei casi da Covid”, oggi al centro delle proteste contro il governo accusato di “affamare gli italiani con la scusa del coronavirus”, considerato da molti un’invenzione.

Come riporta il sito Bufale.net, la figura di Aresu è ambigua. Il 41enne si sarebbe prima spacciato per “farmacista”, e, in passato, anche da medico e infermiere, ma in realtà non risulta iscritto ad alcun ordine, né quello dei Medici, né dei Farmacisti, né tanto meno alla Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche. Come sostiene Il Tempo, Aresu sarebbe percettore dell’indennità di disoccupazione Naspl. Di certo c’è solo quello che emerge dai suoi profili social, e cioè che è appassionato di videogiochi e che ha frequentato l’Università La Sapienza, di Roma, anche se non è chiaro se si sia poi laureato, o meno. Aresu, dopo la popolarità derivata dalla divulgazione del video, e varie ospitate televisive, ha sempre sostenuto di “non essere in cerca di notorietà” e che il video, inizialmente pubblicato come “privato” e quindi visibile solo agli amici, è stato poi diffuso, facendo partire “un tam tam che non mi sarei mai aspettato”.

Ma ieri, Aresu è tornato “protagonista”, scendendo in prima fila accanto all’estrema destra a Piazza Venezia con un suo stesso movimento politico “Dignità popolare”. Un gruppo, si legge nel “manifesto” pubblicato sui social, nato il 25 aprile per “ridare la sovranità al popolo” e che ad oggi conta come unico componente proprio Aresu. Lo stesso “farmacista” poco dopo la manifestazione, ha pubblicato un video in cui annuncia una nuova protesta autorizzata a Piazza del Popolo, in programma il prossimo 10 giugno.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Papa si affaccia alla finestra: “E’ un piacere tornare. A nessuno manchi assistenza sanitaria, persone più importanti dell’economia”

next
Articolo Successivo

Caporalato sui rider, più di 1000 fattorini fermati in strada e ascoltati dai carabinieri

next