Ermini si dimetta”. La richiesta del senatore del Movimento 5 Stelle Primo Di Nicola dall’Aula di Palazzo Madama ha un effetto chiaro: fa piombare la vicenda Csm e i veleni che l’accompagnano direttamente all’interno del Governo Conte. Perché mai fino ad ora c’era stata una presa di posizione così netta da parte di un esponente pentastellato e soprattutto perché il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura a cui si chiede un passo indietro è un deputato del Partito democratico. Tradotto: se prima era la Lega a volere lo scioglimento del Csm e contestualmente un intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ora sono gli alleati di governo a chiedere al dem Ermini di farsi da parte. “Valuti la opportunità di lasciare il suo incarico” ha detto Primo Di Nicola, sostenendo in un intervento di fine seduta che “anticipare la elezione del Csm con nuove regole serve a limitare questo insulto della democrazia“.

Non solo. Di Nicola osserva che “le rivelazioni sul caso Palamara si riferiscono purtroppo non alla condotta di un singolo magistrato, ma, a causa dei mercanteggiamenti interni all’organo di autogoverno, alla magistratura nel suo complesso, vittima e protagonista, allo stesso tempo, di pratiche inaccettabili. A tale proposito – ha aggiunto il senatore M5s – occorre una riflessione del Parlamento sul mercimonio degli incarichi direttivi e sul corollario di dossieraggi e scambi inconfessabili per assegnare a questo o a quel magistrato le postazioni, con lotte interne trasformatesi ormai in autentiche guerre tra bande. Negli ultimi giorni – ha proseguito – pesanti ombre, se non inaccettabili traffici, sono stati documentati anche sulla designazione dell’attuale vicepresidente del CSM, l’ex deputato David Ermini, rivelatosi troppo vicino, se non interno, alle logiche del gruppo Palamara”.

A sentire l’esponente del M5s, “il Governo ha annunciato una riforma del sistema elettorale del CSM: a mio giudizio, anche il Parlamento deve fare la sua parte, cominciando a invitare l’onorevole Ermini a valutare l’opportunità di lasciare il suo incarico. Il discredito che investe il corpo giudiziario – ha detto ancora il parlamentare di M5S – pari sicuramente a quello che con Tangentopoli investì l’intera classe politica italiana, certifica che la questione non è più liquidabile in maniera autoassolutoria, parlando di qualche mela marcia. Siamo di fronte a una crisi di sistema, tanto drammatica, se un giurista pagato come l’avvocato Franco Coppi arriva a dire ‘Avrei paura a farmi giudicare da questa giustizia italiana’. Anticipare perciò l’elezione del CSM secondo nuove regole – ha concluso – potrebbe aiutare a porre fine a questo spettacolo indecente e a quest’insulto alla democrazia, che mortifica il diritto dei cittadini ad avere un giudice naturale competente e imparziale“.

L’insulto della democrazia di cui parla il senatore del Movimento 5 Stelle altro non è che lo scandalo che sta travolgendo la magistratura per via di quelle chat che in tanti scambiavano con Luca Palamara, il pm romano indagato a Perugia. Conversazioni whatsapp da cui appare uno spaccato fatto di richieste di aiuti per far carriera, logiche spartitorie, persino sgambetti tra colleghi e strategie per attaccare i politici. In quest’ultimo capitolo rientrano le intercettazioni pubblicate oggi da La Verità: si tratta di alcuni messaggi inviati dal predecessore di Erimini al Csm (Giovanni Legnini, sempre del Pd) Palamara affinché si prendesse una posizione sul caso Diciotti. Per Salvini si tratta di “trame” contro di lui, con il leader della Lega che ha evocato di nuovo il Quirinale: “Sono sicuro che il Capo dello Stato non resterà indifferente: ne va della credibilità dell’intera Magistratura”. Da registrare anche la replica di Legnini, che ha parlato di “intervento doveroso che rientra nelle competenze del Csm”.

Anche David Ermini (nominato vicepresidente Csm a fine settembre 2018) neanche 24 ore fa aveva parlato del caso Csm, definendolo un “miserabile mercimonio di pratiche correntizie” che rappresenta “l’indegno tradimento” del patrimonio di “coraggio e fiducia” dei magistrati caduti per mano del terrorismo e della mafia. Ermini ha parlato di “scadimento morale” della magistratura, ma al contempo ha assicurato che il Csm ha “la forza di avviare un riscatto”. Anzi. A chi come Matteo Salvini che continua a chiamare in causa il capo dello Stato, per chiedergli di sciogliere il Csm di cui Sergio Mattarella è presidente, ha replica secco: “Questo Csm non deve cambiare passo perché l’ha già fatto da tempo. Nessuno si illuda chiedendo lo scioglimento che questo Csm torni indietro”.

Ora però la richiesta del Movimento 5 Stelle cambia (di molto) le carte in tavola, anche perché arriva nei giorni in cui il Guardasigilli Bonafede ha portato al tavolo della maggioranza la bozza della riforma del Csm, che “non può più attendere”, dopo il “terremoto” che ha investito la magistratura e che ha fatto emergere “dinamiche inaccettabili nell’assegnazione degli incarichi”. Per le nomine ai vertici degli uffici giudiziari, che sono al centro dello scandalo, si pensa di introdurre “oggettivi criteri meritocratici”. E poi, un nuovo sistema elettorale “che sfugga alle logiche correntizie“. E ancora: “Il blocco definitivo delle porte girevoli fra politica e magistratura: chi sceglie di entrare in politica deve essere consapevole che non potrà tornare a fare il magistrato“. Sarà un regola stringente che si applicherà a chi ricopre cariche politiche elettive o di governo, anche a livello territoriale, inclusi i sindaci dei Comuni con più di 100mila abitanti. C’è anche una stretta per i magistrati che vanno a ricoprire incarichi dirigenziali nei ministeri o presso altre istituzioni e per gli ex consiglieri del Csm: per evitare che possano avvantaggiarsi di queste esperienze, non potranno concorrere per un determinato periodo di tempo per incarichi apicali. Per Bonafede non si tratta di “norme punitive” per la magistratura, tutt’altro: sono a tutela della “stragrande maggioranza” dei giudici, “che non merita di essere trascinata, come sta avvenendo, nelle squallide paludi delle polemiche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il buonsenso di Bersani: presto si tornerà a dare spazio a gente seria

next