Smaltivano grandi quantità di rifiuti illegalmente, spesso attraverso roghi per bruciare gli scarti, guadagnando circa 2,5 milioni di euro. Questa l’accusa nei confronti di 16 persone: su richiesta della Procura di Torino sei persone sono finite in carcere, tre ai domiciliari e sette con obbligo di firma. In tutta Italia, anche se prevalentemente nel Nord, sono stati sequestrati nove capannoni industriali e automezzi per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro.

Le indagini, condotte dal Nucleo operativo ecologico carabinieri di Milano e coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Torino, sono partite dal 2018 prendendo spunto dall’aumento degli incendi ai danni degli impianti utilizzati per la gestione dei rifiuti e della presenza di diversi capannoni industriali e discariche abusive. Gli inquirenti hanno messo in luce una rete criminale stabilizzata in più regioni: Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Calabria, Sicilia e sopratutto in Piemonte, dove si trovano la maggior parte delle discariche abusive sequestrate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili