Indagine archiviata perché è calata la scure della prescrizione. Il gip di Palermo ha chiuso la tranche dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia che coinvolgeva il boss Giuseppe Graviano. E’ emerso nel corso dell’udienza del processo d’appello sul patto tra i Cosa nostra e pezzi delle istituzioni che si celebra davanti alla corte d’assise d’appello di Palermo. Graviano era accusato di violenza a Corpo politico dello Stato. Il decreto di archiviazione, che accoglie la richiesta della Procura, è stato depositato oggi. Secondo il gip il reato contestato al capomafia di Brancaccio è prescritto: stessa tesi sostenuta dai pm.

La procura, dopo le dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza e alla luce delle intercettazioni in carcere a cui Graviano è stato sottoposto nel 2017, iscrisse il boss nel registro degli indagati. Per gli inquirenti il padrino di Brancaccio, dal 1994 al carcere duro, avrebbe “contribuito, con condotte certamente rilevanti, alla elaborazione ed alla successiva esecuzione del piano di intimidazione violenta ai danni delle istituzioni dello Stato”.

Ma a fissare i paletti della prescrizione è stata la sentenza della Corte d’Assise di Palermo che, ad aprile del 2018, ha condannato a pene pesantissime i coindagati: gli ex ufficiali del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l’ex senatore di Forza Italia Marcello dell’Utri i boss Leoluca Bagarella e Antonino Cinà, e Massimo Ciancimino. Nel provvedimento i giudici stabilirono che il reato di minaccia a Corpo politico dello Stato, alla luce della legge più favorevole all’indagato, si prescrive in 20 anni, che decorrono dal primo atto interruttivo della prescrizione. I pm hanno sostenuto che il contributo di Graviano abbia avuto inizio nel 1991 e sia terminato col suo arresto, nel gennaio del 1994. La prescrizione decorre dal ’94 dunque e si interrompe con l’interrogatorio a cui il boss fu sottoposto il 28 marzo 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giancarlo Siani, la Camorra continua a pagare da 35 anni le “mesate” ai killer ergastolani del giornalista. Sostegno anche alle famiglie

next